OPEROSITA’ E DOTTRINA

Può darsi che avesse ragione don Bosco. E’ forse più saggio portare una filosofia attraverso la pratica di una dottrina che non attraverso la spiegazione della dottrina stessa.
La gente comprende più il fare che il concetto e attraverso la direzione attenta dell’agire, si possono portare le persone ad una comprensione vissuta della dottrina e attuare una selezione naturale su quelli mossi da ipocrisia o sentimentalismo.
La creazione di un ambiente adeguato all’operosità è forse il miglior servigio fatto allo spirito.
Creare un luogo adeguato in cui formare l’intera persona, dove non solo venga professata la verità, ma dove venga anche fatto tacere l’errore, è l’esigenza prima del nostro tempo.
Insegnare un S. Giovanni della Croce senza una sovrastruttura ambientale e comportamentale adeguata, è una fatica assolutamente inutile.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *